Mountain bike Piemonte - Valli di Lanzo  
Lago Dietro la Torre  
Il percorso  
 
Lunghezza: 11,54 Km
Tempo percorrenza: 2h30' + 40' ritorno
Cartografia: I.G.C. 1:50.000 n. 2 Valli di Lanzo e Moncenisio - 1:25.000 n. 103 Rocciamelone Uja di Ciamarella Le Levanne Alte Valli di Lanzo
Periodo consigliato: giugno - settembre
Tipo: asfalto (8,04 km - 70%), sterrato (3,50 km - 30%)
Dislivello: 1065 metri
Difficolta': B.C.
Effettuato il: 25 Giugno 2000
Localit di partenza: Villaretto (frazione di Usseglio)
Accesso: da Lanzo si seguono le indicazioni per Viu' e Usseglio. Superato quest'ultimo si perviene a Villaretto. Si lascia la macchina al termine della frazione, subito dopo un ponte, di fronte all'albergo ristorante "Furnasa".

Descrizione: l'itinerario risale la valle del rio Arnas utilizzando la strada di servizio alla diga realizzata dall'ENEL ed ultimata solo di recente. La percentuale di asfalto e' piuttosto elevata (si consiglia, a tal proposito, di gonfiare le camere alla massima pressione consentita) ma e' ampiamente ripagata dalla bellezza del paesaggio: ripidi pendii prativi sovrastati da alte cime rocciose sulle quali si contano numerose cascate. Il rio Arnas e' stato sfruttato per la produzione di energia elettrica mediante la realizzazione di due dighe (lago della Rossa e Dietro la Torre) e di tre centrali in cascata che producono complessivamente in un anno 86 milioni di kWh, pari al fabbisogno di circa 30.000 famiglie medie italiane. La centrale piu' a valle si trova lungo la strada in direzione Margone, a 500 metri dal punto di partenza. E' entrata in funzione nel 1931 e sfrutta in parte le acque provenienti dalla diga di Malciaussia, che, nei pressi del Monte Bassa, al termine di una galleria lunga 4350 metri, si uniscono a quelle del lago Dietro la Torre compiendo un salto di 495 metri. La portata raggiunge al massimo i 4 metri cubi al secondo e consente ai due generatori collegati ad altrettante turbine di erogare una potenza di 17 MW. Queste ed altre informazioni sono riportate sulle bacheche sparse lungo il percorso. Iniziamo dunque la salita, passando a fianco dell'albergo (0 Km) e pervenendo, dopo un paio di svolte nel bosco, alla vicina borgata Castello (0,45 Km). Si tocca quindi il Pilon dij Bch (0,86) e la cappella di Sant'Anna (1,72), posizionata tra i due alpeggi di Arnas (inferiore e superiore). Superato il sentiero 120 per il Rifugio L. Cibrario al Peraciaval (3,43 - m 2616 - 3 ore da qui) si arriva al bivio (4,78) che a sinistra consente di raggiungere l'alpe Sule' oppure, attraverso una galleria il cui accesso e' chiuso, la centrale Pian Sule'. Questa si trova in caverna (quindi non visibile) ed e' provvista di un solo generatore. Sfrutta le acque provenienti dal lago Dietro la Torre e dalla presa di Pera Ciaval che dentro una condotta forzata lunga 911 metri compiono un salto di 540 metri. Dal bivio, si continua a destra, superando una sbarra (4,85). Occorre prestare attenzione, nel tratto che segue, alla possibile caduta di massi e pietre. I tornanti si susseguono numerosi concedendo pochissime pause. L'asfalto termina (8,04) poco prima di arrivare all'Alpe Bessanetto (8,27), ormai ridotta ad un cumulo di pietre. Sulla destra, si apre il vallone del Veil culminante nel colle Speranza. Poco al di sotto, a breve distanza da Punta Corna, si trova una miniera di cobalto ormai abbandonata. Il minerale veniva lavorato in un edificio conosciuto come "La fabbrica" ancor oggi visibile presso la frazione Crot. Non dimentichiamo che l'attivita' mineraria insieme alla pastorizia sono state per decenni le principali fonti di sostentamento degli abitanti di queste valli. Segue un lungo traverso interrotto da una galleria (10,05), fortunatamente rettilinea e lunga solamente 300 metri: l'uscita e' ben visibile ma la parte centrale e' alquanto buia ed una fonte di illuminazione, specialmente se la giornata e' nuvolosa, non guasterebbe. In primavera, occorre prestare attenzione al possibile fondo ghiacciato. Con due tornantini ravvicinati si raggiunge la centrale Dietro la Torre (11,27), alimentata dalle acque del lago della Rossa (la piu' elevata diga d'Italia con i suoi 2716 metri), che dopo una corta galleria ed una condotta forzata lunga 1686 metri, compiono un salto di 342 metri. La centrale, che puo' produrre in un anno 8.400.000 kWh, e' l'unica dotata di pompe, utilizzate per rimandare l'acqua, quando vi e' una minor richiesta di energia elettrica (per esempio la notte), al sovrastante bacino della Rossa, in modo da poterla utilizzare nei momenti di punta. Gli edifici diroccati situati nelle vicinanze risalgono agli anni '30: ospitavano gli operai impegnati nel cantiere. Anche la decauville appartiene a quel periodo: ormai da tempo abbandonata, la sua incisione sulla montagna e' ben riconoscibile durante la salita. Costeggiando la centrale a destra, si perviene al modesto sbarramento (11,42 - 12 metri in altezza e 55 in lunghezza), realizzato in pietrame e malta di cemento. La capacita' dell'invaso (2373 m s.l.m.) e' di circa 100.000 metri cubi, 100 volte piu' piccola del lago della Rossa. La strada termina poco piu' avanti, dinnanzi alla stazione della funivia (11,54). Il lago della Rossa e' raggiungibile a piedi in 1 ora. Piu' in su si trova il colle d'Arnas, importante via di comunicazione conosciuta fin dall'epoca romana: il ritrovamento in zona di una lastra di pietra con iscrizioni testimonierebbe il passaggio di qui dello stesso Annibale.
Foto dall'alto in basso: centrale e lago Dietro la Torre

Traccia GPS (inviata da Luca Mignogna):   PLT (Oziexplorer)   KML (Google Earth)

Il file KML stato creato con la colorimetria dell'altitudine
 

 
 
Galleria fotografica  

centrale del Crot

cappella di Sant'Anna
 

una delle numerose cascate

la galleria verso la fine
 

la stazione della funivia ENEL

lago Dietro la Torre
 
Altimetria differenziale
Rappresenta la differenza tra l'altitudine in un determinato punto e quella alla partenza
 
 
Segnalazioni  
F. Aimone: al centro della galleria posizionato il cancello ma sul lato dx ricavato un varco per i pedoni e le mtb con un minimo di esperienza e malizia si passano agevolmente. Consiglio una pila frontale per agevolare la manovra (21/08/11).
Dino G.:
una bruttissima notizia. Sotto la galleria (circa in mezzo) stato installato un cancello invalicabile con la bici, impedendo di fatto la conclusione del giro (luglio 2011).
Massimo B.:
la strada continua dopo il lago e percorre ancora tutto il pianoro fino sotto al lago della Rossa. Arriva ad una altitudine di circa 2500 m slm. La consiglio come continuazione della salita, con eventuale passeggiata al lago della Rossa (solo 200 m di dislivello).
 
Indice Valli di Lanzo
Indice percorsi
 
Per suggerimenti, idee, commenti contattatemi: E-mail
Vietato qualsiasi uso di testi e immagini contenuti in questa pagina senza consenso dell'Autore
Si declina qualsiasi responsabilita' per eventuali errori, imprecisioni, incidenti e danni di ogni sorta
Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2011