Mountain bike Piemonte - Francia  
Lago del Moncenisio  

Il percorso

 

Lunghezza: 34,26 Km
Tempo percorrenza: 5 ore
LocalitÓ di partenza: Gran Croce
Accesso: da Susa si percorre la SS25 in direzione del valico del Moncenisio. Al termine delle scale, si parcheggia l'auto sul piazzale dove un tempo c'era la dogana francese (vicinanze hotel Malamot)
Cartografia: I.G.N. 1:25.000 3634 OT Val Cenis Charbonnel - I.G.C. 1:50.000 n. 2 Valli di Lanzo e Moncenisio
Dislivello: circa 800 metri
Difficolta': B.C.
Tipo: asfalto 7,21 Km (21%) - sterrato 27,05 (79%)
Periodo consigliato: da giugno a settembre
Effettuato il: 1 e 22 settembre 2002
Descrizione:
quella qui proposta e' la mia interpretazione del classico anello attorno al lago del Moncenisio. Si azzera il ciclocomputer dinnanzi alla costruzione in legno (0 Km) per poi seguire la N6 in direzione Modane. Alla prima curva (0,90) la si abbandona per una sterrata con indicazioni "Sentiero dei 2000"/Rifugio Stellina. Ignorare le deviazioni sulla destra che portano verso le cave del Paradiso utilizzate all'epoca della costruzione della diga. Giunti ad una caserma su tre piani in rovina (2,00), prendere la carrareccia sulla sinistra transitando dopo alcuni tornanti davanti ai ruderi della batteria la Court (2,87). Poco dopo una casamatta, imboccare la strada in salita (4,04) per il forte Roncia (6,86), recentemente restaurato. Se il portone e' aperto, si puo' entrare all'interno per visitare la sala espositiva che comprende diversi pannelli con informazioni sulle fortificazioni della zona. Il forte, costruito tra il 1887 ed il 1880, presenta una pianta circolare, protetta da un profondo fossato e da un terrapieno, che degrada verso l'esterno e che si apre in corrispondenza del ponte levatoio d'accesso. Venne disarmato nel 1915 e poi convertito a caserma nel 1937, per ospitare i soldati di presidio alle opere cicorstanti del Vallo Alpino. La stradina prosegue in piano sino al ponticello sul rio Roncia (7,57), per poi scendere alla Strada Nazionale sottostante (9,43) nei pressi dell'Antica Posta. Si procede su asfalto in direzione del Colle del Moncenisio. L'unica alternativa per evitarlo e' quella di optare per il "sentiero dei 2000" (seguire le indicazioni) che si stacca dalla stradina che scende dal Roncia. Pur essendo pianeggiante, risulta molto stretto per cui si pedala con difficolta'. Oltretutto, lungo tutto il cammino, sono presenti frequenti picchetti in ferro che sporgono dal terreno, poco visibili, contro i quali si rischia di impattare. Se scegliete questa variante, dopo alcuni chilometri, si incontrera' un bivio: il sentiero proseguirebbe a monte diventando impedalabile mentre la traccia frontale si restringe ulteriormente. Bisogna allora improvvisare sulla sinistra per prati, aiutandosi anche con le eventuali tracce lasciate dai mezzi agricoli, per scendere alla N6 nei pressi del bivio per il Piccolo Moncenisio. Qui giunti (sia col sentiero che con la piu' comoda strada asfaltata) si imbocca la stradina (12,99) per il rifugio del Piccolo Mocenisio, svoltando poi, dopo circa 800 metri, a destra (13,77). Si costeggia adesso per un lungo tratto il bacino artificiale. Poco oltre la cappella di Saint Barthelemy prendere a sinistra (16,54) per il Varisello, sino a raggiungere la deviazione per la Pattacroce (19,47 - non segnalata). Pur essendo ciclabile al 100% non e' proprio alla portata di tutti per cui si puo' anche decidere di tagliarla fuori proseguendo diritto (vedi mappa). Merita comunque la pena non tanto per la batteria in se' stessa (molto rovinata) ma per i bellissimi tornanti della ex strada militare e per gli stupendi panorami. Al primo bivio che si incontra si va a destra (20,09 - l'altra parte la prenderemo scendendo dalla Pattacroce) e, dopo un ponte, si evita il tratturo con indicazioni per il rifugio del Piccolo Moncenisio (20,36). Si affrontano quindi i numerosi tornanti, che sembrano non finire mai, raggiugendo il rifugio/alpeggio dinnanzi alla batteria alta (23,75), realizzata tra il 1887 ed il 1889. Presenta una pianta poligonale circondata lungo tutto il perimetro da un fossato fatta eccezione per il lato nord-ovest, gia' protetto da pareti rocciose a strapiombo. Consigliamo comunque di proseguire lungo il sentiero (fermando pero' temporaneamente il ciclocomputer) che termina presso la piazzola che ospitava un tempo 2 cannoncini da 9 GRC/Ret, dalla quale si ha una splendida veduta sulla valle del Piccolo Moncenisio. Al ritorno seguire la sterrata piu' elevata (27,42) sino al quadrivio dove si stacca la strada chiusa da sbarra per il Malamot (29,09). Qui scendere a sinistra ed al bivio successivo (29,65) andare a destra. Lasciare poi la deviazione per il forte Varisello (a meno che non vogliate includere anche questa digressione) e quindi imboccare, subito dopo (30,06), la strada che transita sopra la diga. Al termine prendere a destra (31,61), evitare la prima strada cieca (31,69), quindi ancora a destra (32,33) raggiungendo senza piu' dubbi dapprima la Gran Croce (34,03) e poi il piazzale di avvio (34,26).
Mappa formato GIF (1762 x 1089 - 53 KB)
Mappa formato OCAD7 zippata (per visualizzare e stampare il file scaricate la versione 7 demo del programma QUI)

Foto in alto: lago del Moncenisio

 
Altimetria  
 

Galleria fotografica

 

caserma pressi Passo delle Finestre

Forte Roncia
 

Saint Barthelemy

sui tornanti per la batteria Pattacroce
 

Gran Croce
 
Indice percorsi  
Per suggerimenti, idee, commenti contattatemi: E-mail
Vietato qualsiasi uso di testi e immagini contenuti in questa pagina senza consenso dell'Autore
Si declina qualsiasi responsabilita' per eventuali errori, imprecisioni, incidenti e danni di ogni sorta
Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2002