Mountain bike Piemonte - Valli di Lanzo  
Monte Garne'  
Il percorso  
 
Lunghezza: 26,39 Km
Tempo percorrenza: 4h30'
Cartografia: I.G.C. 1:50.000 n. 2 Valli di Lanzo e Moncenisio - 1:25.000 n. 110 Lanzo Viu' Chialamberto Locana Cirie' Basse Valli di Lanzo
Periodo consigliato: maggio - ottobre
Tipo: asfalto (12,30 Km - 47%), sterrato (14,09 Km - 53%)
Dislivello: circa 1000 metri effettivi
Difficolta': B.C.A.
Effettuato il: 29 e 30 Luglio, 1 Agosto 2000
LocalitÓ di partenza: Fe'
Accesso: da Lanzo T.se si seguono le indicazioni per Ceres. Prima di raggiungere il paese si devia per Cantoira (SP 33). Al termine della frazione Fe', si incontra un quadrivio dove si lascia la vettura.

Descrizione: dallo spiazzo (0 Km), si inizia a percorre la via Cernesio (0,01) sino ad un ampio curvone, al termine del quale si svolta su strada Brusiera (0,74). Riconoscibile in questa fase, su una rupe tra la val Grande e la val d'Ala, il santuario di S. Cristina, realizzato per iniziativa degli abitanti di Ceres e Cantoira: nel 1440 costruirono sopra un preesistente pilone dedicato alla santa una cappella che venne poi trasformata nel corso del XVII sec. Superato il sentiero per Brusiera (1,86), nei pressi del quale e' ubicata una graziosa cappella votiva (evitare di rifornirvi alla vicina fontanella perche' l'acqua non e' potabile), si incontrano alcuni brevi intermezzi sterrati che ne anticipano uno di lunghezza decisamente superiore (2,99). Ignorate alcune deviazioni secondarie (3,25 sul lato sinistro, 3,77 e 4,91 su quello opposto) si arriva al piazzale del Passo della Croce dove e' presente una grossa bacheca con la cartina e la descrizione dell'itinerario escursionistico dei "3 Rifugi", segnalato dal Cai sez. di Lanzo (5,23). Segue una breve discesa su asfalto passando a monte delle case di Cresto con splendida veduta di Chiaves, noto per le "Chintane" (stretti vicoli che si snodano tortuosi tra le case) e dominato dall'imponente chiesa di San Giovanni Evangelista. Allo stop (6,50) continuare a sinistra lungo la strada per il lago di Monastero. Oltre Curchiatto, si incontra lo spiazzo con la fontana Sistina dove ci si puo' rifornire d'acqua (7,60). Dopo un paio di tornanti, si affronta a sinistra la facile sterrata per il Monte Garne' (10,06) che ci offre alcuni interessanti scorci panoramici, raggiungendo i ripetitori posti sulla cima (11,26). Tornati nuovamente alla strada abbandonata in precedenza (12,45), si riprende a salire sino alla deviazione segnalata per la Baita S. Giacomo (13,45), chiusa da un cancello comunque facilmente aggirabile. Al termine della breve ma faticosa salita, per via del fondo dissestato, si perviene al colle S. Giacomo di Moia, punto piu' elevato del percorso (13,99). Lasciata a destra la diramazione per le baite S. Barbara, si incontra presto un nuovo bivio che consente di raggiungere la sottostante cappella di S. Giacomo (14,14 - digressione facoltativa non conteggiata). Proseguiamo sul ramo di destra che termina, dopo un tornante, presso alcune baite. Dall'abbeveratoio che le precede (15,07), seguire il sentierino che si stacca sul prato a destra. La prima parte risulta ciclabile seppur con difficolta'. Poi, una volta entrati nel bosco, si deve necessariamente scendere di sella. Fortunatamente il tutto si risolve in pochi minuti. Toccata la chiesetta a monte di Blinant (15,62), si passa tra le case guadagnando la sterrata proveniente da Vru' (15,73). Qui notare la teleferica utilizzata per portare i rifornimenti durante l'isolamento invernale. Procedere in discesa tenendo al bivio seguente la destra (16,10). Superata una catena (18,32) si arriva al bivio per Rivirin (18,43), famoso per le ricostruzioni in pietra della Torre di Pisa e della Mole Antonelliana, posto 70 metri piu' in alto a quota 1100 (poco meno di un Km tra andata e ritorno non conteggiato in quanto facoltativo). Raggiungere questa meta porta via circa un quarto d'ora ma ne vale la pena. A monte della borgata, a 1580 metri di quota, si trova una delle numerose miniere di talco della zona che porta il nome della vicina Alpe Brunetta. L'estrazione cesso' alla fine degli anni 70 anche per colpa della concorrenza di impianti piu' moderni e quindi dai costi piu' bassi. La cava e' stata recuperata per iniziativa del CAI Lanzo, della Comunita' Montana Valli di Lanzo e del comune di Cantoira e risulta ora visitabile. Lasciando alle spalle il vallone di Brissout, si riprende attraversando un ponte (18,45) ed ignorando quindi l'indicazione a sinistra per il presepio meccanico (18,57), principale attrazione turistica di Vru', realizzato in oltre 30 anni, con tanta passione, da Francesco Berta. I personaggi animati, molto curati nei particolari, ricostruiscono gli antichi mestieri di queste valli. Aggirato il paese dall'alto, si ritrova l'asfalto (18,92). Si svolta quindi a destra (19,31), affrontando una serie di tornanti. Superata la strada per Lities (20,81) si termina sullo stradone di fondovalle presso Cantoira (21,97). Seguirlo a sinistra per pochi metri e quindi, svoltando su via Case Michiardi (22,01), scendere al torrente Stura (22,26). Senza attraversare il ponte si costeggia il corso d'acqua a sinistra, utilizzando un tratturo la cui traccia piu' avanti tende a scomparire. Raggiunto un secondo ponte (23,01), portarsi sull'altra sponda andando a sinistra sia qui sia al bivio successivo nei pressi di un pilone (23,15). Superate le baite di Le Grange la strada si riduce per un breve tratto a sentiero (segnato da tacche gialle e rosse), seguendo grosso modo i pali della linea elettrica. Dopo Chios (24,90), si ignora un bivio sulla sinistra (25,02) pervenendo alla strada asfaltata che mette in comunicazione Fe' con Ceres (25,55). Percorrendola a sinistra si attraversa la Stura risalendo allo spiazzo di partenza (26,39).
Foto dall'alto in basso: Passo della Croce - riproduzioni in pietra della Torre di Pisa e Mole Antonelliana (Rivirin).
 
 
Galleria fotografica  

cappella votiva nei pressi di Brusiera

cappella S. Giacomo di Moia
 

il ripetitore sul Monte Garne'
   
Altimetria differenziale
Rappresenta la differenza tra l'altitudine in un determinato punto e quella alla partenza
 
 
Segnalazioni  
M. Bologna: anche la strada che sale da Cernesio al Colle della Croce Ŕ oramai quasi del tutto asfaltata. Rimangono sterrati solo gli ultimi 600/700 metri.
Federico:
dall'abbeveratoio del km 15,07, c'e' ora una sterrata di nuova costruzione, a cui si accede scavalcando una catena, che scende con numerosi tornanti collegandosi alla strada bianca proveniente da Vru'.
F. Samartinaro: confermo quanto detto da Federico ed aggiungo che la strada che parte dall'abbereveratoio del km 15,07 taglia in due punti il sentiero descritto nella relazione e termina al primo tornante della strada tra Blinant e Vru', circa 50 mt dalla prima casa di Blinant.
 
Indice Valli di Lanzo
Indice percorsi
 
Per suggerimenti, idee, commenti contattatemi: E-mail
Vietato qualsiasi uso di testi e immagini contenuti in questa pagina senza consenso dell'Autore
Si declina qualsiasi responsabilita' per eventuali errori, imprecisioni, incidenti e danni di ogni sorta
Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2006