Mountain bike Piemonte - Valle di Susa  
Forte Pramand  
Il percorso  
Lunghezza: 12,33 Km (sola andata)
Tempo percorrenza: 3h + 50' ritorno
Cartografia: ISTITUTO GEOGRAFICO CENTRALE Carta dei sentieri e dei rifugi 1:50.000 n. 1 Valli di Susa Chisone e Germanasca
Periodo consigliato: giugno - settembre
Tipo: asfalto (2,64 km - 21%), sterrato (9,69 km - 79%)
Dislivello: 1040 metri
Difficolta': B.C.
Effettuato il: 25 Luglio 1999
LocalitÓ di partenza: bivio Eclause lungo la SS 24
Accesso: dall'uscita Oulx Est dell'autostrada Torino - Bardonecchia (0 km) si prosegue in direzione Salbertrand. Superato il paese, dopo 2 tornanti ravvicinati, si incontra il bivio sulla sinistra con indicazioni Eclause - Pramand - Grange della Valle... (6,9 km). Si lascia la vettura nelle vicinanze.
Descrizione percorso: seguire sempre i cartelli indicatori con la scritta "Pramand". Con alcuni tornanti si raggiunge Fenil. Ignorato il bivio sulla destra che conduce al nucleo principale della frazione (0,93 Km), passiamo la colonia "Maria Ausiliatrice" (1,18) adiacente ad un
forte (non piu' agibile perche' pericolante). Tale forte fu costruito nel 1891 (altra fonte indica come anno il 1895) ed era dotato, sul fronte Ovest, di 8 cannoni da 12 ARC/Ret (collocati in una unica grossa casamatta protetta da una lastra in ghisa spessa oltre 20 cm, non piu' presente) e, su quello Sud-Est, di 2 da 87 (posti in casematte di muratura). Era completamente circondato da un fossato che e' stato ricoperto. Superiamo quindi il bivio per Eclause - Grange della Valle - Rif. M. Levi-M. Molinari del Club Alpino Italiano (m 1849) - colonia alpina A. Viberti della Citta' di Rivoli (1,94 - sulla destra). Nei pressi di Moncellier termina l'asfalto (2,64). Qui segnaliamo la cappella di S. Ippolito con la facciata tinteggiata di rosa. Un sinistro cartello segnala il pericolo di caduta massi e avvisa l'utente che la strada e' d'ora innanzi percorribile a proprio rischio e pericolo. Subito dopo il ponte sul rio Geronda (4,22), si tralascia il bivio che scende a Frenee (4,25). Dopo una stradina secondaria (6,25) si supera su un altro ponte il rio Secco (6,38) oltre il quale la salita si fa piu' faticosa anche per la presenza di numerose pietre sul fondo stradale. Attraversiamo quindi una corta galleria con funzione di paravalanghe (9,13), sopra la quale scorre il rio Chanteloube. Con alcuni tornanti arriviamo al colletto Pramand (10,91 - m 2087), situato a ridosso del monte Seguret, dove la strada si biforca: diritta continua verso i forti Jafferau e Foens. Svoltando su quella di sinistra incontriamo quasi subito i ruderi di un baraccamento adiacente ad una grossa fontana (11,02) ed una strada di accesso secondaria al forte (11,14). Nell'eventualita' che decidiate di raggiungerlo seguendo questa variante, incontrerete dopo alcuni tornanti un arco nella roccia che conduce ai locali della polveriera (l'ingresso e' stato parzialmente murato) e poco oltre, tenendo il ramo di destra, i locali del magazzino dell'artiglieria. Seguendo invece la strada piu' marcata si giunge ad un tornante (11,71), alla sinistra del quale si trovava il piazzale della "batteria occasionale" (4 pezzi da 149 G) che poteva essere allestita in caso di bisogno. Un sentiero permette di accedere ad una trincea che costituiva l'osservatorio degli artiglieri, ricavata sullo sperone di roccia situato a strapiombo sopra Pont Ventoux. Con altri faticosi tornanti si arriva alla costruzione principale del forte (12,14 - se ne sconsiglia l'accesso per il pericolo di crolli): era formata da 2 piani, di cui quello superiore a rientrare in modo da ricavare frontalmente un piccolo terrazzo. Due lunghi corridoi collegavano i vari locali: camerate, cucina, deposito viveri, area accumulatori, ecc. ecc. Da un'estremita del corridoio sito al piano inferiore, una galleria lunga 150 metri (l'apertura e' stata ostruita con macerie per impedirne l'ingresso), ricavata nella roccia, raggiungeva i vani di caricamento: questi erano collegati mediante un montacarichi alla sottostante polveriera. In tale galleria, il trasporto delle munizioni avveniva mediante un carrello su rotaia. Saliti sulla sommita' della batteria (12,33 - m 2162), si gode uno splendido panorama che rende anche l'idea di quanto fosse ampio il raggio di azione delle armi da fuoco. Qui sono ben visibili i quattro grossi pozzi, di forma cicrcolare, ricavati nel calcestruzzo, dove erano alloggiati altrettanti cannoni 149/35 A tipo Armstrong (gli stessi utilizzati sul monte Chaberton anche se in diversa configurazione). Una cupola in acciaio spessa 15 cm costituiva la protezione corazzata superiore. Il forte entro' in servizio nel 1905 e fu smantellato e demolito, come molte altre opere fortificate, in seguito al Trattato di Pace del febbraio 1947.
Foto in alto: sommita' della Batteria Pramand (in primo piano uno dei pozzi).
 
 
Galleria fotografica  

costruzione principale del forte Pramand

ruderi di un baraccamento nei pressi del Colletto Pramand

ponte sul rio Secco - galleria paravalanghe all'altezza del rio Chanteloube
 
Indice percorsi  
Per suggerimenti, idee, commenti contattatemi: E-mail
Vietato qualsiasi uso di testi e immagini contenuti in questa pagina senza consenso dell'Autore
Si declina qualsiasi responsabilita' per eventuali errori, imprecisioni, incidenti e danni di ogni sorta
Ultimo aggiornamento: 2 Giugno 2000