Mountain bike Piemonte - Valle di Susa  
Pratobotrile  

Percorso ideato da Davide Gallino

 
Lunghezza: 13,11 Km
Tempo percorrenza: 2 ore 30'
Difficolta':
B.C.A.
LocalitÓ di partenza:
Caprie
Accesso: percorrere la SS24 e, nei pressi dei ruderi del castello del Conte Verde, deviare per Caprie (via Roma). Raggiunto il viale Kennedy si parcheggia l'auto a lato della strada, nei pressi del ponte sul torrente Sessi.
Cartografia: ISTITUTO GEOGRAFICO CENTRALE 1:50.000 n. 2 Valli di Lanzo e Moncenisio
Dislivello: circa 615 metri
Tipo: asfalto 7,52 Km (57%) - sterrato 5,59 (43%)
Periodo consigliato: da maggio a settembre
Effettuato il:
27 aprile 2002
Descrizione: l'itinerario, di modesta lunghezza, si sviluppa sul lato destro idrografico della valle del torrente Sessi, a cavallo dei comuni di Caprie e Condove, toccando alcune delle loro numerose borgate. Ad una salita quasi interamente asfaltata abbina una favolosa discesa, a volte tecnica (e quindi non adatta ai neofiti), tutta su sentiero immerso, in gran parte nel bosco. Da evitare dopo piogge recenti in quanto le pietre sul fondo della mulattiera diventano molto viscide, creando notevoli difficolta' per riuscire a mantenersi in equilibrio. Con le spalle al ponte (0 Km), si va ad intraprendere la via Peroldrado che conduce all'omonima borgata (2,98 - chiesetta Madonna della Neve e fontana). Poco oltre, si svolta per le borgate Sigliodo (3,10 - cartello) dove incontriamo presto l'unico tratto sterrato della salita. Arrivati allo stradone proveniente da Condove (4,87), si va a destra, con pendenza piu' facile che consente di riprendere un po' il fiato. Ignorata la deviazione per Laietto (6,47), si perviene con un ultimo strappo a Pratobotrile (7,34). Qui si prosegue verso Muni / Camporossetto per una cinquantina di metri, sino ad incrociare il sentiero 569 proveniente dalla chiesa Madonna degli Angeli sul Colombardo, che taglia la strada. Lo seguiamo per un lunghissimo tratto in discesa senza problemi di orientamento viste le numerose tacche in vernice rosso-bianche abbinate ad altrettanto frequenti paletti in legno (fossero tutti segnalati cosi'). Si punta alla chiesa di Laietto, dedicata a S. Vito, poco prima della quale si scende a destra (8,06). Seguendo sempre le tacche in vernice si passa dietro il cimitero che presenta una cappella dedicata a S. Bernardo, con interessanti affreschi risalenti al XV sec. Si procede diritto ad un bivio con pilone (8,98), per poi confluire, lasciando un paio di deviazioni sulla destra (9,18 e 9,42), sulla strada dell'andata (9,61). Si continua in discesa sino al primo tornante, dove si abbandona la strada principale (9,74). Arrivati ad una casa, si segue il sentiero che ne costeggia il muro. Subito dopo un pilone si devia a sinistra (10,04 - scritta Condove su masso) con percorso che si fa piu' impegnativo. Si arriva ad una chiesetta bianca dalla quale si gode uno splendido panorama con la Sacra di S. Michele in primo piano (11,02). Qui si va a sinistra, successivamente a destra (11,11), quindi si passa tra le Case Buia (11,27). Attenzione perche', oltre queste, si abbandona il sentiero 569 che a destra va verso Condove (11,53). Ora arriva la parte piu' complicata: aiutatevi anche con la cartina. Quando si incontra un pilone (11,58) andare diritto, quindi ignorare due sentieri ravvicinati (11,69 e 11,70), passando alle spalle di un gruppetto di 3 abitazioni. Poco dopo tenere la sinistra (11,83), quindi, quando la strada si sdoppia (11,87 e 11,93), mantenersi sul ramo di destra che presenta un fondo piu' agevole (ed anche piu' marcato). L'ultimo bivio (12,19 - a sinistra in leggera salita) ci riporta alla strada asfaltata dell'andata (12,33) con la quale rientriamo al ponte sul torrente Sessi (13,11 - viale Kennedy). 

Foto in alto: sentiero "569"
Mappa formato GIF (579 x 1207 - 24 KB)
Mappa formato OCAD7 zippata (per visualizzare e stampare il file scaricate la versione 7 demo del programma QUI)
 
Altimetria  
 
Galleria fotografica  

cappella di b.ta Peroldrado

chiesa di Laietto
 

l'unico tratto sterrato della salita

sentiero "569"
 
Le vs. segnalazioni  
Guido Apostolo: con nostra grande gioia e soddisfazione (in senso ironico), il Km e mezzo di sterrato della salita e' ora passato alla miglior vita del bitume. Ora l'ascesa risulta dunque tutta su asfalto (sigh!).
VARIANTE PER LA DISCESA rispetto all'itinerario proposto: oltre le Case Buia propongo di non abbandonare mai il fantastico sentiero/mulattiera 569 che porta sino a Condove e poi di proseguire per v. Conte Verde su asfalto sino a Caprie, al ponte sul torrente Sessi. A mio avviso, e' il cammino che verrebbe 'naturale' seguire.
 
Indice percorsi  
Per suggerimenti, idee, commenti contattatemi: E-mail
Vietato qualsiasi uso di testi e immagini contenuti in questa pagina senza consenso dell'Autore
Si declina qualsiasi responsabilita' per eventuali errori, imprecisioni, incidenti e danni di ogni sorta
Ultimo aggiornamento: 21giugno 2004