Mountain bike Piemonte - Valle di Susa  
Soleil Boeuf  

Il percorso

 

Lunghezza: 18,33 Km
Tempo percorrenza: 3h
Cartografia: I.G.C. 1:50.000 n. 1 Valli di Susa Chisone e Germanasca - 1:25.000 n. 105 Sestriere Claviere Prali
Periodo consigliato: meta' maggio - meta' ottobre
Tipo: asfalto 8,73 Km (48%) - sterrato 9,60 (52%)
Dislivello: circa 500 metri
Difficolta': B.C.
Effettuato il: 18 maggio 2003
LocalitÓ di partenza: Sestriere
Accesso: da Pinerolo o Cesana con la SS23 sino alla P.za Agnelli di Sestriere. 

Descrizione: si parte nei pressi dell'obelisco dedicato a Napoleone I, al quale si deve la realizzazione della strada di collegamento tra Pinerolo e Briancon che uni' Piemonte e Delfinato, eretto nel 1921 per commemorare il centenario dello storico avvenimento. Da qui si imbocca la via Louset (0 Km). Ignorando le vie laterali si transita davanti al Palazzetto dello Sport seguendo poi la via Monte Rotta che, piegando a sinistra, taglia le pendici del monte omonimo. Superati alcuni lunghi complessi condominiali essa si riduce a pista asfaltata solamente sul lato rivolto verso la montagna. Tale asfaltatura venne posata all'inizio degli anni 90 per facilitare l'allenamento dei maratoneti e fondisti della Nazionale Italiana. Evitando tutte le deviazioni che salgono al Fraiteve o scendono alle sottostanti borgate si attraversa il pianoro di Clot Pla' dove si trova la "fontana degli Alpini" (2,19), passando poi a monte delle costruzioni sparse di Granges des Alpes. Si tocca quindi l'ingresso della galleria militare costruita a cavallo dei due conflitti, oggi murata per motivi di sicurezza. Questo tratto della pista credo sia ufficialmente chiuso per pericolo frana, almeno stando ai cartelli, anche se le transenne sono state divelte per meta' per cui pedoni e ciclisti passano ugualmente. Lasciato un ennesimo bivio per il Fraiteve (4,47), e, poco oltre, una deviazione che scende a Chalmette/Champlas Seguin (4,69), si guadagna il pianoro di Soleil Boeuf, punto di arrivo/partenza di alcuni impianti di risalita. Qui si va a destra (5,89) passando nelle immediate vicinanze della stazione della seggiovia "Clos de la Mais - Soleil Boeuf". Attenzione al tratto che segue perche' la pendenza assomiglia a quella di una pista da sci. Potrebbe essere un'idea quella di utilizzare la stessa tecnica degli sciatori ovvero procedere a zig-zag visto che oltretutto l'ampiezza della zona ciclabile lo consente. Arrivati nei pressi dell'impianto Baby S. Sicario si va a destra (7,18) e successivamente, dopo aver lasciato alle spalle il ristorante Lamadia (7,50), si gira a sinistra abbandonando la direzione per Autagne (7,63). Si punta verso S. Sicario Alto procedendo sempre diritto. Superato il rio Envers (8,36), si continua alla sinistra dell'omonimo hotel e, con un lungo traverso, si guadagna l'abitato di Champlas Seguin. Alla chiesa (11,19) si va a sinistra e, passate le case, si sale ancora a sinistra. Evitando la carrareccia con indicazioni Champlas Janvier/du Col (11,77), si arriva al forte (12,95), situato sul rilievo alla destra del pianoro occupato dai ruderi di una caserma di servizio. Con alcune rampe proibitive si arriva ad un nuovo bivio (13,72) dove seguiamo le indicazioni per le vicine Gr. Chalmettes presso le quali si trova un rifugio-ristoro. Si continua verso le Granges des Alpes, passate le quali, riagganciamo il percorso dell'andata (15,71), rientrando alla p.za Agnelli (18,33). 
Foto in alto: Soleil Boeuf
Mappa formato GIF (1522 x 861 - 35 KB)
Mappa formato OCAD8 zippata (per visualizzare e stampare il file scaricate la versione 8 demo del programma QUI)

 
Altimetria  

 
Galleria fotografica  

ruderi caserma nei pressi del forte di Champlas Seguin
 

monumento a Napoleone (Sestriere)

galleria Monte Rotta
 

chiesetta di Champlas Seguin
 
Indice percorsi  
Per suggerimenti, idee, commenti contattatemi: E-mail
Vietato qualsiasi uso di testi e immagini contenuti in questa pagina senza consenso dell'Autore
Si declina qualsiasi responsabilita' per eventuali errori, imprecisioni, incidenti e danni di ogni sorta
Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2003